Crocchette di bulghur e lenticchie con salsa di yogurt alla curcuma


24 Agosto, e sento già dire che l'estate è finita. Io non sono tra questi, e amo l'estate più di ogni altra stagione. Anche se magari muoio di caldo e mi pungono le zanzare, nessun'altra stagione per me eguaglia i colori, i profumi e la libertà spensierata dell'estate. E allora cerco di farla durare il più possibile riunendo gli amici che non vedo da un po' ed organizzando cene in cui ci raccontiamo le vacanze e ci consoliamo del rientro al lavoro. Anche se fuori diluvia, come oggi, non mi importa. L'estate è ancora nello spirito e sulla mia pelle, e poi adoro apparecchiare la tavola per ricevere amici, mischiando colori, forme e vasetti per i fiori. E vi suggerisco un sito per i vostri acquisti on line per la casa, sempre ricco di spunti per la cucina e la tavola, da cui potete trovare idee originali da replicare. E' Dalani -che sicuramente già conoscete- che ogni giorno offre idee ed occasioni per arredare ogni stanza della casa, sia che cerchiate il design di grandi nomi, sia che amiate il genere shabby chic, o l'atmosfera country. Attualmente c'è anche una sezione interamente dedicata all'estate, food compreso, con i consigli sui cibi top per la stagione più calda e per la tavola (e vi suggerisco anche una visita alla sezione 'gioielli', se siete in vena di farvi un regalo : )


Questa che vi propongo è la mia idea per una cena tra amici che si ritrovano, tra risate, abbracci e birra ghiacciata (anche se magari indossate già un golfino di cotone ; )



CROCCHETTE DI BULGHUR E LENTICCHIE 
CON SALSA DI YOGURT ALLA CURCUMA

Ingredienti:
200 g di lenticchie lessate
200 g di bulghur
100 g di ricotta
2 vasetti di yogurt bianco (non dolce)
2 carote
1 costa di sedano
1 cipollotto fresco
semi di sesamo
foglie di menta
foglie di basilico
pane grattugiato
farina di mais
curcuma in polvere
pepe nero
sale

1. Preparate un soffritto leggero con cipollotto, carota e sedano tagliati a dadini e fate cuocere qualche minuto.
2. Lessate il bulghur in acqua salata per circa 20 minuti e poi scolatelo con cura.
3. Aggiungete al soffritto lenticchie, bulghur, ricotta, una manciata di semi di sesamo, foglie di menta e basilico e mescolate.
4. Regolate di sale e pepe.
5. Con le mani formate delle crocchette. Se il composto non è compatto e 'si sbriciola',  potete frullarne 1/3 con il minipimer oppure potete aggiungere 1 uovo.
6. In un piatto mescolate qualche cucchiaio di pane grattato a qualche cucchiaio di farina di mais e rotolateci ogni crocchetta coprendola su tutti i lati.
7. Per cuocere le crocchette potete procedere in due modi:
- friggerle in olio di semi bollente per circa 5 minuti,
- passarle in forno con un filo d'olio a 200° per circa 15 minuti.
8. Prendete dei bicchieri bassi e trasparenti, sulla cui base fate uno strato di yogurt greco, spolverato di curcuma, un pizzico di sale e pepe nero macinato al momento.
9. Infilzate ogni crocchetta con un bastoncino di legno e adagiatela sopra il bicchiere, come in fotografia.
10. Servite tiepide.


Diventa mio follower su Twitter, FacebookPinterest e Instagram per vedere le mie foto e leggere gli aggiornamenti del blog! 

Caffè in ghiaccio con latte di mandorla, il caffè leccese

Scroll down for English text

Se mi seguite su Instagram, (se ancora non lo fate rimediate ;) avrete visto che ho appena trascorso 1 mese nelle stupende terre del Salento. La Puglia mi piace, adoro i campi di ulivi secolari con i loro tronchi tutti contorti, la precisione e l'ordine dei vigneti, le spiagge selvagge, il dialetto che mi fa ridere. E il cibo? Ne vogliamo parlare? Sono tornata a casa così carica di pacchi nel baule che non si capisce se io sia solo una che ama mangiare o se abbia intenzione di aprire un negozio all'ingrosso. 
Se devo scegliere una cosa in assoluto che adoro del Salento, per me il podio spetta al caffè leccese, caffè ghiacciato con un po' di latte di mandorle. Lo adoro: è forte, rinfrescante e dolce allo stesso tempo. In molti vedendo le mie foto mi avete chiesto come si prepara ed ecco qui, una delle ricette più facili che esistano. Ah, se poi lo bevete in spiaggia allora è proprio uno spettacolo ; )

Caffè leccese

Ingredienti:
- caffè
- latte di mandorla
- cubetti di ghiaccio

In un bicchiere versate un po' meno di 1 dito di latte di mandorla (se amate il caffè molto dolce allora aumentate un pochino la dose) e 3 cubetti di ghiaccio. In una tazzina preparate un caffè e versatelo nel bicchiere. Vedrete che il bianco della mandorla rimane sul fondo e non si mischia al nero del caffè. Mescolate con un cucchiaino e aspettate a bere ancora un po' per essere certi che il caffè sia molto freddo.
Diventa mio follower su Twitter, FacebookPinterest e Instagram per vedere le mie foto e leggere gli aggiornamenti del blog! 
_____________________________________________________________________________

Iced coffee with almond milk

Ingredients:
- coffee
- almond milk
- ice cubes

Put 1 tablespoon of almond milk in a glass with 3 ice cubes (use 2 tablespoons if you like very sweet coffee). Make a short coffee and pour it into the glass. Stir until blended and drink when coffee is very cold.
Be my follower on Twitter, Facebook, Instagram and Pinterest to see all my pictures and news! 

Pasta al forno con melanzane fritte per #nonnachef e Bosch Italia


Da un po' di tempo ho la fortuna di essere invitata a cucinare per grandi aziende, e questo è stato il caso di Bosch, che mi ha permesso di passare un bel pomeriggio insieme ad alcune amiche foodbloggers alle prese con i loro elettrodomestici di ultima generazione. 
In questo caso si trattava di coinvolgere anche le nostre nonne e realizzare un piatto a 4 mani. Le mie sarebbero state molto orgogliose di venire con me, una perché era una fan sfegatata di Wilma De Angelis - e tutti i giorni, puntuale, si scriveva ogni sua ricetta (anche quelle che di sicuro non avrebbe mai realizzato) - e l'altra perché era la miglior cuoca che io abbia conosciuto e molto di ciò che faccio (bene) sono certa di averlo ereditato da lei. Purtroppo nessuna delle due c'è più e quindi mi sono fatta adottare dalle nonne presenti, ed è anche nato un grande amore con Filomena, Nostra Signora Regina delle fritture, che assaggiando una mia melanzana ha detto: "Sembra fatta da me" e quale complimento migliore mi poteva fare?? Sì perché come ricetta della tradizione di casa mia ho voluto fare la pasta al forno, ma dato che anche la parmigiana era tra le mie preferite, ho mixato le due e così ho fatto una pasta al forno con melanzane fritte (prova costume non ti temo). 
Ci siamo divertite, abbiamo potuto testare elettrodomestici meravigliosi, della nuovissima Serie 8.
La piastra a induzione, con cui ho fritto alla perfezione perché mantiene costante la temperatura, ha un'area di cottura flessibile da divisibile in 2 zone singole, che riconosce pentole di tutti i formati (così non hai problemi di far corrispondere tegami extra large o piccolissimi ai fuochi), ha la sicurezza bambini, funzione Power per far bollire l'acqua in pochissimo tempo e un timer di fine cottura (adatto a chi come me ha bruciato tre moka in un anno : (
E abbiamo usato anche il forno, progettato per suggerirti modi e tempi di cottura in base alla ricetta (PerfectBake: un sensore misura il grado di umidità per regolare il processo di cottura automaticamente, PerfectRoast: una termosonda calcola la temperatura interna della pietanza tramite la misurazione di diversi punti - addio torte cotte fuori e crude all'interno-), ha la funzione di cottura al vapore, ottima per il pane, e memorizza le tue ricette (tornata a casa avrei voluto dar fuoco al mio triste e vecchio forno : )

Potete vedere il video che vi racconta la mia ricetta, e il video riassuntivo della giornata.

E se non lo avete ancora fatto, visitate la pagina di Bosch Italia per scoprire tutte le novità sul mercato (e fino al 20 giugno ad ogni acquisto di un forno Serie 8 Bosch riceverete in regalo un ricettario di Accademia Barilla e potrete vincere un weekend gastronomico a Parma). 




Pasta La Molisana con fragole e asparagi su crema di burrata


Per il contest #molisecalling la sfida tra noi blogger si compone di due compiti: scrivere un post che racconti il Molise e una ricetta da noi ideata. Ma non una ricetta tipica della terra, tradizionale, quanto un piatto che per noi riassuma l’esperienza che abbiamo vissuto là durante il nostro viaggio insieme. 
Il racconto lo trovate sul blog La Molisana, ed è una vera e propria favola (leggetelo, e ditemi se ho reso l'idea ; ) 
Io ho un ricordo piacevolissimo di quei giorni: partivo con alcune persone che già erano amiche, e con quelle che ho conosciuto sul posto mi sono trovata benissimo, a cominciare dal treno, dove una timida – e sconosciuta - Simona sentendoci parlare del Molise ci chiese: ‘ma anche voi andate là? Siete blogger?’. In Molise abbiamo anche capito quanto sia forte per gli abitanti il legame con la terra e la tradizione, specie in cucina, ma la loro tenacia e la forza di volontà dei suoi abitanti sono anche aperti all’innovazione, come è successo per la rinascita del pastificio La Molisana e quindi uno sguardo è sempre aperto al nuovo. Da questi miei pensieri è nata la mia ricetta: fragole e asparagi insieme per un accoppiamento insolito, nuovo. La crema di burrata è la tradizione, il legame con la terra (raramente ho assaggiato formaggi più buoni di quelli dei caseifici molisani). I succhietti sono uno dei miei formati preferiti, li amo perchè sono ruvidi e rigati e quindi il sugo aderisce bene ed anche bucati, quindi penetra anche all’interno, e poi ricordano dei riccioli, quindi sono un po’ pazzi, come lo siamo state noi durante il nostro soggiorno, tipo quando abbiamo viaggiato sul tetto di una jeep tra i tratturi con 50 cm di fango (adrenalina pura). Poi adoro gli asparagi, come ho adorato la compagnia di chi ho incontrato in Molise, e le fragole le trovo molto femminili, e le mie compagne di sfida sono tutte donne. Ho studiato anche la mise en place, senza creare niente di artificioso o ‘importante’, ma piuttosto una cosa fresca, semplice e genuina, come lo sono stati coloro che in Molise ci hanno aperto le porte delle loro aziende: il rosso è complementare del verde, ed entrambi si fanno accogliere da un abbraccio bianco, un’armonia di colori tale e quale a quella dei meravigliosi panorami di queste terre che mi porterò per sempre nel cuore.


SUCCHIETTI LA MOLISANA SU CREMA DI BURRATA CON FRAGOLE E ASPARAGI
(dose per 2 persone)
200 g di Succhietti La Molisana
2 burrate
200 g di fragole
200 g di asparagi
1 cipollotto fresco
Olio extra vergine di oliva
Sale
Pepe
Con un minipimer frullare la burrata con un goccio di olio (e qualche cucchiaio di latte se necessario) fino ad ottenere una crema densa ed omogenea. Pulire a fondo gli asparagi eliminando la parte coriacea e cuocerli a vapore per circa 10 minuti -dipende dalla grandezza- devono rimanere al dente, croccanti. Mettere a cuocere la pasta. Fare un soffritto leggero con olio e il cipollotto, e appena pronto unire gli asparagi tagliati a piccole rondelle, salare, e farli cuocere per pochi minuti e poi le fragole tagliate a pezzetti, che è sufficiente far cuocere per 1 minuto. Per preparare il piatto: mescolare la pasta con qualche cucchiaio di crema di burrata, poi con fragole e asparagi cotti con il cipollotto. Coprire il fondo del piatto con la crema di burrata e mettere la pasta al centro decorando con punte di asparagi e un po’ di pepe.

Lo spot televisivo del Molise usa queste parole:
 “In Molise siamo tenaci, semplici, un po’ ruvidi, ma pronti a buttarci a capofitto in tutto quello che facciamo. Con le radici nella tradizione, lo sguardo sempre pronto a cogliere forme nuove, e la passione per le cose fatte bene. In Molise siamo così, anche a tavola".

Ditemi voi se il mio piatto li rappresenta ; )


Per il contest #molisecalling passo il testimone alla mia adorata Valentina del blog EnogastronoVie, che il 4 giugno pubblicherà la sua ricetta molisana.

Molise chiama, e noi blogger rispondiamo


Ho fatto un viaggio bellissimo insieme ad altre blogger, ed ora è giunto il momento di raccontarvelo. Lo faremo insieme attraverso le nostre fotografie, i nostri racconti, itinerari e ricette per raccontarvi il Molise, terra splendida e ricca che il pastificio La Molisana ci ha permesso di conoscere. 
Sarà una vera e propria staffetta che partirà il 26 Maggio fino al 30 Giugno e vedrà protagonisti ogni martedì e giovedì un blog diverso, con il suo racconto e il suo piatto, ideato per l'occasione. Sarà anche una sfida tra di noi, a chi avrà saputo raccontare meglio 'il senso dell'eccellenza' molisano.
Insieme a me, su questo blog, vi faranno da ciceroni le mie amiche blogger -in ordine alfabetico:

Valentina www.enogastronovie.it 
Tiziana www.nonnapaperina.it.   
Maria Teresa  www.scattigolosi.com 
Simona Cherubini www.simonaskitchen.com  

Potrete seguirci anche sugli altri miei canali social, Instagram e Twitter - dove sono starsspoon - con gli hastagh #pastalamolisana e #molisecalling.